Bimba down in copertina, la pubblicità bella e normale

Quando la pubblicità  è bella e normale

Dolores Cortes, stilista spagnola specializzata in moda per l'infanzia, ha scelto il volto di una bambina down per il suo nuovo catalogo di costumi destinato agli Stati Uniti. Si chiama Valentina Guerrero, ha 10 mesi e apparirà sulla copertina del catalogo "Kids 2013", oltre che in alcune pagine interne.

Un'iniziativa che fa pensare alla nostra recente campagna realizzata in partnership con Saatchi & Saatchi,  in occasione dell'ultima Giornata mondiale della sindrome di Down (21 marzo): gli spot di alcuni marchi famosi erano infatti stati girati, per l'occasione, in una versione alternativa, in cui gli attori erano sostituiti da ragazzi Down (guarda gli spot).

Questa nuova iniziativa, che arriva dagli Stati Uniti non può farci che piacere. La differenza è che la nostra campagna era soprattutto una provocazione: concentrata tutta in un giorno, senza dire nulla, aveva l'obiettivo di non sottolineare differenze. Il messaggio è questo: l'inclusione delle persone down anche negli spot, nelle campagne di comunicazione, nei cataloghi di moda non deve più essere una cosa speciale, ma la realtà normale.

Mondiali IAADS

undefined

operazione colombo

undefined

Campionati Mondiali IAADS

Isole Azzorre (Portogallo) - Campionati Mondiali IAADS - comincia l'avventura italiana

Campionati Mondiali IAADS
Angra do Heroismo, 15-21 Maggio 2012

Roma-Lisbona-Terceira: e’ cominciata ieri l’avventura della nazionale italiana impegnata nella seconda edizione dei campionati mondiali IAADS (International Athletic Association for People with Down Syndrome), manifestazione in programma ad Angra Do Heroismo, città di 35mila abitanti definita dall’Unesco patrimonio dell’umanità.

Testo sentenza Corte Costituzionale 80/2012

Testo INTEGRALE sentenza Corte Costituzionale 80/2012

CS Sentenza Corte Costituzionale 2012

Comunicato Stampa                                                                                                                                       Roma, 10 aprile 2012

La Corte Costituzionale cancella l’art. 3 del Codice del Turismo che prevedeva il diritto delle persone disabili di usufruire in piena libertà delle proposte turistiche.

Le sentenza, pur non entrando nel merito, evidenzia che tali previsioni spettano in via ordinaria alle Regioni e non allo Stato e quindi dichiara fondata la questione di legittimità costituzionale di molte norme del codice promossa da quattro regioni. Il Veneto unica regione a mettere esplicitamente in discussione l’articolo 3.

 

5 per mille 2012

undefined

Novità sull’ISEE

Le novità sull’ISEE nell’art. 5 del decreto legge 201/2011 convertito nella legge 214/2011: le ripercussioni per le persone con disabilità e le loro famiglie

Alcune riflessioni emerse nell’assemblea CoorDown