Palermo: firmato protocollo

Sanita': Palermo, firmato protocollo Associazione famiglie down e Regione

E' stato firmato il protocollo d'intesa tra l'Associazione Famiglie Persone Down (Afdp) di Palermo e l'assessorato regionale della Salute per un progetto sperimentale che vede protagonisti 4 giovani con sindrome di Down, in possesso di sufficienti competenze per una attivita' di integrazione lavorativa protetta.

leggi tutto

Campionati Italiani Nuoto 2011

undefined

Seminari Fish-CSVnet: Informati sui diritti

Seminari Fish-CSVnet: Informati sui diritti

Cosa significa oggi diritto all'informazione per le persone con disabilità? Quali competenze, metodologie e strumenti sono necessari per poter offrire un buon servizio di informazione sulla disabilità? Questi i temi che saranno al centro del ciclo di seminari formativi “Informati… sui diritti” organizzati da Fish in collaborazione con CSVnet.

Campagna Deichmann

undefined

Convegno e perchè noi no?

undefined

CEPIM – SpettacoloTeatrale Torino

Il CEPIM-TORINO-Centro Persone Down e la sua compagnia teatrale CANTAGALLO presentano:

“SIAMO A CAVALLO”

Dopo l’entusiasmante debutto del nuovo spettacolo, la Compagnia Teatrale del CEPIM ritorna in scena per divertire e trasmettere un chiaro messaggio di integrazione; lo spettacolo ci darà l’occasione per riflettere e divertirsi su una versione “un po’ meno epica” dell’Iliade: sarà una bella opportunità per conoscere le grandi potenzialità dei nostri ragazzi!

Due sono le date:

TEATRO MONTEROSA

Via Brandizzo, 65 (Torino)

VENERDI’ 27 MAGGIO ore 21.00

CASA DEL TEATRO RAGAZZI E GIOVANI

C.so Galileo Ferraris 266 (Torino)

MERCOLEDI’ 1° GIUGNO ORE 21.00

 

Vi chiediamo di partecipare numerosi e di pubblicizzare il più possibile l’evento.

Per qualsiasi informazione e per richiedere locandine, dépliants o biglietti potete rivolgervi in segreteria al CEPIM (tel. 011-3090158     011-3019448; e-mail: cepim@cepimtorino.191.it ).

Ingresso gratuito

21 marzo 2011 a Roma

21 marzo - GIORNATA MONDIALE DELLE PERSONE CON SINDROME DI DOWN

L’appuntamento è alle ore 16 presso la Sala Anfiteatro del Villa Aurelia Centro Congressi a Roma, in via Leone XIII n. 459.

L’AIPD insieme alla società Metroweb S.p.a., che ha finanziato un anno di lavoro dell’Osservatorio Scolastico, presenta due nuovi materiali prodotti dal servizio:
il film-documentario racconta sei esperienze di buone prassi di integrazione nella scuola primaria, e anche il quaderno AIPD n. 20 “Nella nostra classe c’è un alunno con sindrome di Down!”, che offre riflessioni per insegnanti e compagni di scuola.

Vedi qui il programma dell’incontro

UNA GIORNATA DI SPORT PER TUTTI

undefined

Gita negata a catanzaro

CATANZARO: GITA NEGATA A STUDENTE CON SINDROME DI DOWN - COORDOWN OFFRE IL PATROCINIO LEGALE.

Non si sono fatte attendere le prese di posizione critiche nei confronti della dirigente scolastica di una scuola media di Catanzaro, che avrebbe vietato a un alunno con sindrome di Down di partecipare a un viaggio d'istruzione con finalità didattiche della scuola, causando la reazione di solidarietà dei suoi compagni di classe che hanno a loro volta rifiutato di andare in gita.

Stigmatizzare la discriminazione non è più sufficiente, bisogna intervenire sul piano legale con sentenze esemplari per evitare che vergognose azioni simili possano ripetersi. Non sappiamo se sia giusto arrivare addirittura al licenziamento, ma una condanna esemplare, anche di tipo  patrimoniale, sarebbe quanto mai opportuna.

Il CoorDown si è già reso disponibile, nei confronti della famiglia, a patrocinare l'eventuale azione legale a tutela della dignità del proprio figlio.

Le leggi ci sono, a partire dalla convenzione ONU per finire alle norme contro ogni forma di discriminazione, dalla Costituzione Italiana, alla legge 104/92 attraverso una specifica legge, la  67/2006 che prevede sanzioni importanti. Magari se toccati nelle tasche, dirigenti insensibili potrebbero ritrovare immediatamente il lume della ragione.

Il CoorDown, assieme ed attraverso le associazioni aderenti, è impegnato da diversi anni in attività di comunicazione e sensibilizzazione sul riconoscimento del diritto ad una vera inclusione nella società delle persone con sindrome di Down. Un grosso lavoro che ci vede impegnati quotidianamente anche attraverso campagne nazionali sui media televisivi e della carta stampata, tentando di proporre una evoluzione culturale di rispetto e di conoscenza delle loro potenzialità.

Il tema dell'inclusione scolastica è stato, lo scorso anno, agomento di ampio dibattito anche nei confronti delle istituzioni che sono chamate in primis ad attegiamenti coerenti con normative che attualmente ne riconoscono l'enorme valore. Evidentemente il dirigente scolastico di Catanzaro non ne ha avuto notizia, altrimenti non si giustificherebbe un tale atteggiamento che ci invita a lavorare ancora di più sul versante della comunicazione e della rivendicazione dei diritti che ci auguriamo non debba avvenire esclusivamente nelle aule dei tribunale ma nella coscienza delle persone.